Borghi e città da visitare in Salento

Il Salento, la parte meridionale della Puglia, è una terra da vedere almeno una volta nella vita.

Io me ne sono innamorata già solo dopo un giorno che ero lì..


E’ facile innamorarsi dei suoi colori, del suo mare, dei suoi paesini, delle sue masserie e anche dei suoi piatti tipici.

Se si visitano i paesini si può notare come le case assomiglino a quelle greche: bianche e senza tetto. Invece se ci si addentra nelle città un po’ più grosse si può notare come i centri storici abbiano uno stile definibile come barocco leccese. Inoltre c’è un ampio uso della pietra leccese, che grazie alla sua malleabilità si è sempre prestata bene alla realizzazione architettonica salentina.

Il Salento è una meta per le vacanze a tutte le età. Infatti ci vanno spesso i giovani alla ricerca di divertimento e spiagge dove stare fino a tardi, ma è anche una meta perfetta per le famiglie, che possono portare i bambini in spiagge bellissime e dalle acque basse. Infine è perfetto anche per le coppie, che dopo una giornata in spiaggia, possono visitare mano nella mano i paesini, tutto questo dopo un’ottima cena sul mare o in una masseria tipica salentina.

Oggi voglio consigliarvi alcune città e alcuni borghi che non potete perdervi in Salento. Ognuno di questi posti vi rimarrà nel cuore.. ve lo garantisco!

  • Santa Cesarea Terme, famosa per le grotte di acque sulfuree, si trova su una zona collinare. Le vie sono infatti disposte su più livelli. Questo permette anche una bellissima vista mare da quasi tutte le abitazioni. La particolarità di questo borgo è la presenza di bellissime ville antiche, costruite per le ricche famiglie che al tempo si recavano qui per andare alle terme. Tutt’ora le terme sono attive e vantano un centro termale all’avanguardia. Vista la posizione è difficile trovare spiagge, ma per lo più scogli, dove è possibile tuffarsi per immersioni. Inoltre è possibile visitare anche le grotte marine;
  • Otranto, bellissima città di porto, è il punto geografico più ad est d’Italia. E’ una città fortificata che ha subito diverse invasioni volte alla sua occupazione. Si accede alla città “fortezza” tramite la Porta Alfonsina che si instaura tra le mura. Uno dei monumenti principali è il Castello Aragonese con pianta pentagonale, attualmente utilizzato come spazio espositivo e eventi. Poco più avanti si trova la Cattedrale di Santa Maria Annunziata, al cui interno troviamo un vero e proprio tesoro: il mosaico pavimentale raffigurante l’Albero della Vita. Otranto è un borgo spettacolare soprattutto per il suo districarsi di vie e vicoli dove si trovano negozi, case e ristorantini tipici. Infine altro elemento che lo caratterizza è il porto, da sempre una delle principali attività economiche;
  • Lecce, conosciuta anche come la Firenze del Sud, è una città dove architettura romana e barocco si incontrano. L’architettura romana la si trova nell’anfiteatro romano, che si trova nella piazza principale di Lecce: Piazza Sant’Oronzo. Dell’anfiteatro è visibile sono un terzo, dato che fu sovrastato e coperto da altri edifici. Oggi è utilizzato per spettacoli teatrali, soprattutto nella stagione estiva. L’architettura barocca, invece, la troviamo nei palazzi e nelle chiese (Lecce ne vanta ben 40), il tutto rigorosamente in pietra leccese. Uno dei monumenti in stile barocco è la Cattedrale, che regna nella piazza. Vi consiglio di entrare da Porta Napoli e perdervi tra le vie del centro, dove troverete locali, ristoranti e negozietti di artigianato;
  • Ostuni, borgo antico completamente bianco. Infatti tutte le case della città vecchia “La Terra” sono tinteggiate di calce. Il centro è un continuo saliscendi di vie e vicoli che si districano tra le piazze. E’ una città molto caratteristica e se siete in zona vale la pensa visitarla;
  • Alberobello mi è rimasta nel cuore. La città dei trulli, dichiarata dall’UNESCO, Patrimonio dell’Umanità. La si può visitare comodamente in una giornata. Passeggiando tra le strettissime vie sarete immersi tra i  trulli, che sono case tradizionali della cultura contadina pugliese. La zona più famosa è Rione Monti, dove c’è anche la Chiesa-Trullo di S’Antonio. Le vie più antiche da visitare di sicuro sono: Via Monte Nero e Via Monte Pasubio. Poi consiglio di visitare anche Rione Aia Piccola, dove ci sono trulli abitati e dove potrete avere la possibilità di salire su terrazze panoramiche e godere di una meravigliosa vista. Oggi tra i trulli trovate un sacco di negozi di souvenir e prodotti alimentari tipici. Alberobello è davvero uno dei luoghi da vedere una volta nella vita!;
  • Gallipoli, conosciuta come Perla dello Ionio, è una delle mete più gettonate per le vacanze in Salento, soprattutto tra i giovani. E’ una città portuale con alle spalle una piccola controversia circa le sue origini. Gallipoli si divide in città vecchia e città nuova. La città vecchia è la più caratteristica e si raggiunge attraversando un ponte in muratura, che la rende così una piccola penisola. All’inizio del ponte si trova il Castello Angioino-Aragonese, all’interno del vecchio borgo invece troverete Chiese, negozi e locali tipici. E’ una città che non può mancare sulla lista di quelle da vedere in Salento. Personalmente vi consiglio di vederla illuminata la sera.

Se capitate nel mese di Agosto potrete assistere alle feste di paese e vedere le luci colorate, fissate su apposite impalcature, che vengono utilizzate per addobbare la città in occasioni di feste religiose. Un vero spettacolo!

Ioviaggiocosi.

_____________________________________________

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *