Guida utile per i viaggi “on the road”

I viaggi on the road sono forse quelli che amo di più.. per diversi motivi.

  • sono i viaggi più divertenti, soprattutto perché si va incontro a diverse disavventure. A chi non è capitato di sbagliare strada? Di perdersi?;
  • sono i viaggi volti alle scoperte, perché spostandosi da una tappa all’altra spesso si scoprono luoghi meno turistici.. e per questo anche più belli!;
  • sono i viaggi più faticosi, ma non per questo meno belli.. anzi! Quando si torna a casa si è stanchi, ma vogliamo parlare della soddisfazione quando si guardano le foto e km percorsi? Impagabile!;
  • sono i viaggi imprevedibili, perché vanno proprio vissuti alla giornata;
  • e ultimo ma non ultimo sono i viaggi più belli da organizzare!

Fin da quando viaggiavo con i miei genitori ho iniziato a fare questo tipo di viaggi e se riesco mi piace organizzarne almeno uno ogni anno.

Come vi dicevo sono i viaggi che preferisco anche per quanto riguarda l’organizzazione. A me che piace informarmi prima sulle mete, piace proprio l’idea di crearli su misura in base a quanto tempo ho a disposizione.

Vi voglio dare alcuni consigli riguardo l’organizzazione:

  • stabilite un budget;
  • fate un rapido calcolo dei km che vi aspettano per vedere se possono essere percorsi nel tempo che avete a disposizione;
  • informatevi sui luoghi che volete visitare nelle varie tappe;
  • prenotate in anticipo gli alberghi, io lo faccio tramite Booking o Airbnb;
  • quando organizzate le varie tappe date un’occhiata anche ai musei e luoghi d’interesse che visiterete facendo attenzione ai giorni di chiusura. Spesso non ci si pensa e poi ci si ritrova in una città in un giorno festivo dove non potete visitare nulla di quanto programmato;
  • prenotate un mezzo, io per ora mi sono sempre affidata a Europcar;
  • attrezzatevi con un buon navigatore. Devo confidarvi che l’Andalusia noi l’abbiamo visitata con le vecchie (ma da me amatissime) cartine geografiche, dato che non avevamo pensato al navigatore, ma devo dire che è stato molto più divertente!;
  • calcolate le ore tra una tappa e l’altra in modo da non aver soprese e non ritrovarvi a passare troppo tempo in viaggio.

Nel cuore ho uno dei viaggi che ho fatto da piccola e che vorrei presto rifare: un viaggio on the road visitando i Castelli della Loira (Francia) e risalendo fino alla Normandia e alla Bretagna.


Da quando viaggio con il mio ragazzo abbiamo fatto un viaggio di circa una settimana in Baviera e Austria del quale trovate i diversi post sul blog (link: Post Baviera e Austria) e un viaggio davvero stupendo in Andalusia. Qui insieme abbiamo toccato le città più famose (Siviglia, Cordoba, Granada, Malaga, Gibilterra e Cadice), ma ci siamo fermati anche in quelle più piccole durante i vari spostamenti. Anche di questo tour di 9 giorni trovate diversi post nel blog (link: Post Andalusia).


Di recente invece abbiamo fatto un viaggio on the road in Slovenia (qui il post Itinerario in Slovenia), dove in cinque giorni abbiamo visitato entroterra e riviera. Mentre poco dopo siamo partiti per un altro on the road in Croazia (qui il post Itinerario in Croazia).

E’ da un po’ di tempo che stiamo iniziando a organizzare viaggi anche in moto. Per ora facciamo brevi spostamenti di qualche giorno, ma in futuro stiamo già pensando di  progettare un viaggio in moto di una settimana (link: Post weekend in moto Toscana – Post weekend in moto tra mare e castelli).



E voi amate i viaggi on the road? Ne avete già fatti?

Se avete consigli e/o destinazioni da consigliarmi scrivetemi nei commenti.

Ioviaggiocosi.

_____________________________________________

2 Replies to “Guida utile per i viaggi “on the road”

  1. Informarsi sui giorni di chiusura è una cosa a cui penso raramente, e poi mi ritrovo con un bel cancello chiuso: in Inghilterra un giorno abbiamo fatto miglia e miglia per andare al museo di Beatrix Potter per scoprire che quello era il giorno di chiusura…

    1. Anche a me all’inizio era capitato.. così adesso per evitare disguidi di questo tipo mi metto avanti 😊
      È davvero un peccato non vedere l’ora di arrivare per visitare qualcosa e trovarlo chiuso..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *