Borgonovo Val Tidone e le sue bellezze nascoste

Il blog tour #valtidonedavicino organizzato da Travel Val Tidone è cominciato proprio a Borgonovo, un paese in provincia di Piacenza.

Abitando a Piacenza, conoscevamo Borgonovo Val Tidone e ci eravamo già stati in diverse occasioni, ma mai visitandolo per bene.

E’ proprio grazie a questo blog tour che abbiamo avuto l’occasione di approfondire meglio la visita di questo paese e scoprirne alcune bellezze nascoste.

Storia

Borgonovo fu fondato nel 1196 dai consoli di Piacenza, dove un tempo sorgeva Casarnerio, un villaggio anche chiamato con il nome “Casarnello“, in modo da difendere il territorio piacentino dai pavesi.
Il borgo era completamente fortificato e le mura, che si trovavano dove oggi vi è un viale alberato, erano circondate da una fossa. Questa in tempo di guerra veniva riempita d’acqua.
Borgonovo nacque con un piano urbanistico molto ordinato, caratterizzato da vie parallele e trasversali ad angolo retto. Ancora oggi lo dimostrano le tre strade dritte nel centro, chiamate dai borgonovesi rispettivamente prima, seconda e terza strada. La prima strada, che si trova di fronte alla Rocca, è Via Roma, la seconda è Via Cavallotti e la terza è Via Mazzini.
Borgonovo fu in parte distrutto dai pavesi e poi ricostruito dai consoli piacentini che eressero anche nella zona nord a difesa del territorio un castello: La Rocca.
Questa fortezza divenne sede del feudo assegnato in successione a numerose famiglie nobili.
Gli ultimi furono i marchesi Zandemaria che nel 1875 la vendettero al Comune, che ne fece la sede del Municipio e della Pretura. Le mura invece mentre furono completamente abbattute e sostituite da viali.

La Rocca

La visita del borgo è partita proprio davanti alla Rocca, che come detto sopra è sede del Comune.
Il castello, completamente edificato in laterizio è a base quadrangolare con un cortile interno e due torri a base rettangolare a nord-est e sud-ovest. E’ circondato da un profondo fossato ed era dotato di due accessi con ponte levatoio (oggi ponti in muratura). L’interno è quello che più ci ha colpito. Infatti è stato risistemato nel XVIII secolo per renderlo dimora signorile. Di conseguenza presenta un loggiato a tre ordini e un complesso scalone davvero affascinante.
Il fossato della Rocca è utilizzato anche per sagre e feste musicali, così come il cortile interno, che è stata la location di concerti di musica classica.

La Collegiata

Abbiamo proseguito la visita passeggiando lungo il viale dove un tempo sorgeva la cinta muraria. Da qui abbiamo poi preso una via che ci ha portati all’interno del borgo fino ad arrivare ad una magnifica chiesa: La Collegiata di Santa Maria Assunta.
La torre campanaria romanica risale alla prima metà del Duecento, mentre il resto dell’edificio è più tardo. Fu necessaria una ricostruzione in seguito ai danni subiti dalle devastazioni nel corso del XIII-XIV secolo.
La facciata neogotica presenta tre rosoni e al centro si apre il portale, con stipiti in marmo, sormontato da una lunetta dipinta con la raffigurazione della Madonna tra santi. Sul retro l’abside poligonale è forata da quattro finestre a sesto ribassato.
A noi sono particolarmente piaciute le colorate vetrate di Gasparini (1974) e Corradini (1998).

In seguito alla visita della Collegiata, siamo tornati sul viale che circonda il centro storico passando per l’acquedotto fino a percorrere Via Roma, trovandoci davanti uno scorcio inedito della Rocca.

Feste

I ragazzi di Travel Val Tidone ci hanno anche ricordato le due feste più famose del paese, alle quali speriamo di poter prender parte:

  • Fiera dell’Angelo, la tradizionale fiera del lunedì di Pasqua con bancarelle ed esposizione delle macchine agricole;
  • Festa d’ la chisöla, ogni anno il primo weekend del mese di settembre si celebra la chisöla, organizzata dalla Pro Loco di Borgonovo Val Tidone. Si tratta della festa più importante che richiama a Borgonovo sempre più persone.

Conoscevate Borgonovo? Speriamo di avervi incuriosito e vi ricordiamo di continuare a seguirci per poter leggere tutti i post dedicati al blog tour in Val Tidone.

Intanto potete dare un’occhiata al video uscito pochi giorni fa Alla scoperta della Val Tidone #valtidonedavicino.. per un’esplorazione virtuale di questa valle insieme a noi!

A presto!

Ioviaggiocosi.
___________________________________________________________

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.