“I colori della carità” alla Nuova Galleria Alberoni

Galleria Alberoni

Domenica scorsa abbiamo deciso di visitare la mostra “I colori della carità” che si trova all’interno della Nuova Galleria Alberoni a Piacenza.

Questa galleria, ufficialmente riaperta dopo lunghi lavori nel 2008, si trova all’interno del Collegio Alberoni. Quest’ultimo è un seminario e oltre alla galleria, che comprende un centinaio di quadri (tra quali “Ecce Homo” di Antonello da Messina) e 18 arazzi antichi, vanta anche un osservatorio astronomico, un museo di scienze naturali, una biblioteca e la chiesa di San Lazzaro.

In occasione di questa mostra era possibile visitare anche la Galleria, e il Collegio (“Ecce Homo”, Appartamento del Cardinale e Biblioteca monumentale) e noi non abbiamo perso questa opportunità.

La visita è cominciata all’interno dell’atrio del Collegio dove la guida ci ha poi portati a visitare la biblioteca. Questa è suddivisa in due parti, una delle quali risalente al XVIII secolo. Il primo nucleo della biblioteca monumentale risale al 1732-33, mentre il secondo piano fu aggiunto solo dopo la morte del cardinale, intorno al 1760. Al momento ci sono più di 130.000 volumi.

Successivamente ci siamo spostati nell’appartamento delCardinale, che oggi è adibito a pinacoteca. Qui è custodito anche il famoso dipinto di Antonello da Messina “Hecce Homo“. Nella stanza si può accedere a gruppi di poche persone, sia per motivi di sicurezza, sia per poterlo apprezzare in tutta la sua bellezza. Pensate che le lacrime di Cristo sembrano vere da quanto sono realistiche!

All’ingresso dell’appartamento è appeso il ritratto del cardinale Alberoni di Giovanni Maria delle Piane detto il Mulinaretto.

Di fianco all’ingresso del cardinale c’è una porta di un piccolo loggiato da dove è possibile vedere la chiesa. La guida ci ha permesso di sostare alcuni minuti e poter godere dell’esclusiva vista.

Infine abbiamo visitato anche la cappella che si trova di fronte all’ingresso dell’appartamento del cardinale.

Una volta terminata la visita all’interno del Collegio ci siamo diretti nella Nuova Galleria. Qui abbiamo cominciato la visita della mostra dedicata a San Vincenzo de’ Paoli.

Questa mostra iconografica si inserisce nel 400° anniversario dell’inizio del carisma di missione e carità di San Vincenzo, il santo che nel Seicento francese seppe inventare una moderna rete di interventi sociali e segnare in profondità la vita sociale ed ecclesiale della Francia.
La mostra conta più di trenta capolavori provenienti da tutta Italia di artisti artisti italiani attivi nel XVIII e XIX. Si tratta della prima esposizione in assoluto dedicata all’iconografia di questo santo in Italia. Questo progetto nasce da un’idea dei Padri vincenziani del Collegio Alberoni e viene curato dallo storico dell’arte Angelo Loda. Il lavoro che si cela dietro questa mostra è stato lungo e impegnativo. Molte delle opere presenti erano catalogate in modo errato e si pensava rappresentassero altri santi. In realtà il curatore sta catalogando ancora altre opere che non sono pervenute in tempo per l’apertura della mostra.

A noi è piaciuta molto e abbiamo trovato davvero interessante la possibilità di visitare anche l’interno del collegio e la pinacoteca.

Ci rivolgiamo soprattutto ai piacentini (ma non solo): andate a visitarla! C’è tempo ancora fino a domani!

Se andrete vi consigliamo di fare attenzione anche alla Sala Arazzi, che si trova sempre all’interno della nuova Galleria Alberoni!

Informazioni utili:

  • mostra “I colori della carità” aperta fino al 25 febbraio 2018;
  • orari di apertura della mostra: venerdì, sabato e domenica 15.00-18.30;
  • biglietto comprensivo di mostra e visita al Collegio € 6,00;
  • per eventuali altre domande chiedeteci oppure consultate il sito Collegio Alberoni Piacenza.

Ioviaggiocosi.

_____________________________________________

4 Replies to ““I colori della carità” alla Nuova Galleria Alberoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.