Durante il nostro on the road tra Alsazia e Lorena non potevamo certo dimenticare di inserire nell’itinerario Strasburgo.

Soprannominata la capitale del Natale, Strasburgo è stata davvero oltre le aspettative.

Noi abbiamo deciso di dedicarle due giorni così da poterla visitare per bene e senza corse.

Alloggio

Abbiamo scelto un hotel abbastanza centrale: Ibis Budget Centre Gare, che si è davvero rivelato perfetto. Parcheggio per l’auto a pochi passi, ma soprattutto in meno di dieci minuti si raggiunge il quartiere Petite France e in poco meno di venti, la cattedrale.

Anche questo hotel é pet friendly e con Holy ci siamo trovati molto bene. Camere essenziali ma ideali come appoggio per la visita.

Itinerario di due giorni

Avendo due giorni a disposizione abbiamo preferito impostare la scoperta della città in modo da vedere il più possibile nella prima giornata e tenere la seconda per rivedere meglio ciò che ci era piaciuto e goderci qualche passeggiata più spensierata.

Se anche per voi è la prima volta a Strasburgo, di seguito troverete ciò che proprio non potete perdervi.

Barrage Vauban

Monumento storico dal 1971, il Barrage Vauban è un ponte coperto che fungeva da opera difensiva nel XVII secolo sul fiume Ill.
Attualmente è utilizzato per mostre temporanee. Non perdetevi la meravigliosa terrazza panoramica sul tetto. Da quassù avrete una veduta splendida sul quartiere Petite France.

Ponts couverts

Questo gruppo di tre ponti e quattro torri avevano una funzione difensiva sino a quando non vennero sostituiti dal Barrage Vauban.

Petite France

Si tratta di un quartiere famosissimo di Strasburgo, nonché patrimonio Unesco. E’ caratterizzato da case a graticcio colorate che lo rendono meta turistica per eccellenza.
In realtà al tempo non era considerato un luogo bucolico come potrebbe sembrare. Infatti qui vi erano conciatori, mugnai e pescatori. Si trattava di un luogo povero e mal frequentato.

Cattedrale

Capolavoro di arte gotica, la Cattedrale di Strasburgo risale al 1015 quando venne iniziata la costruzione in stile romanico. Fu poi portata a termine nel 1439 in stile gotico. Fu per molto tempo uno degli edifici più alti del mondo (la guglia ha un altezza di 142 metri).

Maison Kammerzell

Nella piazza della cattedrale si trova anche questa antica casa.
Il nome deriva dal suo primo proprietario (il droghiere Kammerzell) nel XIX secolo, ma fu il commerciante Martin Braun nel 1571 che la rese come la vediamo ora. La ricca decorazione della facciata si ispira alla Bibbia, all’antichità greco-romana e al Medioevo.
Fu poi restaurata nel 1892 ma la decorazione esterna testimonia ancora le influenze culturali di una Strasburgo borghese del XVI secolo.

quartiere Europeo

In questo quartiere moderno hanno sede importanti istituzioni e non solo come:

  • il Palazzo d’Europa, che funge da sede del Consiglio d’Europa sin dal 1977;
  • il Palazzo del Parlamento europeo, la nuova sede dell’Europarlamento che ha sostituito il Palazzo d’Europa;
  • la Corte europea dei diritti dell’uomo;
  • l’Église Saint-Paul, una chiesa protestante davvero particolare.

Visitare la città dal Battello

Come di sicuro saprete, a Strasburgo è possibile godersi una “passeggiata” insolita sull’acqua. Infatti grazie ai battelli avrete la possibilità di vedere la città da un’altra prospettiva, davvero molto romantica.
Unica nota negativa: i cani non possono accedervi. Pertanto noi non abbiamo potuto fare quest’esperienza.

Musei

A Strasburgo ci sono molti musei interessanti, che varrebbe la pena visitare.

Noi con Holy non abbiamo potuto, ma nel caso foste in città vi segnaliamo i più importanti:

  • Palazzo Rohan, al suo interno ospita tre musei (Museo archeologico, Museo delle Arti Decorative, Museo delle Belle Arti),
  • Museo Alsaziano,
  • Museo Tomi Ungerer, dedicato al disegnatore e illustratore nato a Strasburgo nel 1931,
  • Museo dell’Opera di Notre-Dame,
  • Museo d’arte moderna e contemporanea.

Strasburgo è nota per essere capitale europea, dato che vi si trovano le principali sedi delle istituzioni europee. Oltre a questo appellativo, Strasburgo è conosciuta anche come “capitale del Natale“. Questo perché nel 1570 nacque il mercato di Natale. Si tratta del più antico mercato di Natale in Alsazia ed è per questo che Strasburgo è diventata la capitale di questa festività con i suoi mercatini e gli eventi tradizionali.

Se amate il Natale, non potete certo perdervi l’atmosfera natalizia in città. Pertanto se siete indecisi sul periodo migliore per visitarla, vi consigliamo di scegliere quello che precede il Natale.

Ioviaggiocosi.
___________________________________________________________

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.