On the road tra città e capitali dell’est Europa

Siamo tornati pochi giorni fa dal nostro meraviglioso on the road estivo.

Quest’anno per il viaggio con famiglia e Nala abbiamo deciso di spostarci in auto e visitare città e capitali dell’est Europa.

Avevamo una decina di giorni a disposizione ed abbiamo strutturato il nostro viaggio di conseguenza:

  • 1 notte a Bratislava in Slovacchia;
  • 3 notti a Cracovia in Polonia;
  • 2 notti a Vienna in Austria;
  • 2 notti a Budapest in Ungheria;
  • 1 notte a Nauders in Austria.

Giorno 1 : Bratislava

Siamo partiti presto la mattina con direzione Bratislava, la nostra prima tappa. Qui abbiamo soggiornato soltanto una notte, ma abbiamo comunque potuto visitarla con calma e vedere le principali attrazioni della città.
La sera che siamo arrivati pioveva e purtroppo siamo solo riusciti a rintanarci in un pub molto frequentato dai “local”, dove abbiamo gustato un’ottima birra slovacca.
La mattina seguente abbiamo cominciato la visita della capitale slovacca.
Il centro città è comodo da girare a piedi e ricco di sculture simpatiche che lo rallegrano. Inoltre dal centro è possibile raggiungere anche il castello che si trova in posizione sopraelevata e panoramica.

Giorno 2 : Cracovia

Arrivati a Cracovia la sera ci siamo diretti subito al nostro appartamento, situato a due passi dal centro. Depositati i bagagli siamo andati a scoprire la città, che fin da subito ci ha colpito per la bellezza e cordialità.
Essendo estate era davvero piena di gente e turisti, ma nonostante questo ci ha affascinato tantissimo. Sembrava quasi di essere in un altra epoca.
Abbiamo cenato in un ristorantino fantastico in pieno centro e ci siamo goduti un po’ di vita notturna tra le vie della città.
La mattina seguente ci siamo dedicati alla visita della città: dal castello al quartiere ebraico.
Abbiamo provato a scoprirne ogni angolo, sia di giorno che di sera.

Giorno 3 : Auschwitz e Cracovia

La mattina sveglia prestissimo per raggiungere Auschwitz e fare l’esperienza più toccante ed indelebile di questo viaggio. Al momento facciamo fatica a parlare delle sensazioni che abbiamo provato. Probabilmente dedicheremo alla visita ad Auschwitz un post un po’ più avanti, quando saremo pronti a raccontarci.
Tornati dalla visita siamo nuovamente andati in città a gustarci l’ottimo cibo tipico, accompagnato da birra polacca.

Giorno 4 : Vienna

Siamo arrivati a Vienna di pomeriggio e dopo aver depositato i bagagli siamo corsi in centro per visitare i principali luoghi d’interesse della città.
Complice la bella giornata ci siamo goduti la giornata fino all’ultimo raggio di sole, per poi cenare in un locale tipico tra i vicoli del centro città.
Ovviamente abbiamo mangiato Gulasch e bevuto birra austriaca!

Giorno 5 : Vienna

Il secondo giorno a Vienna l’abbiamo dedicato per una prima parte a Schönbrunn e alla sua immensità. Mentre l’altra parte della giornata l’abbiamo dedicata a luoghi, per noi, più insoliti. Fede era già stata a Vienna, così abbiamo preferito goderci un pomeriggio al Prater e andare alla ricerca di arte e architetture nascoste.
Non sono mancati pranzo e cena a base di prodotti tipici.

Giorno 6 : Budapest

Eravamo tutti ansiosi di arrivare in quella che viene chiamata la “Parigi dell’est” e per questo dopo aver lasciato l’appartamento e sgranocchiato qualcosa in un ristorantino tipico, ci siamo buttati alla scoperta del quartiere ebraico e di Pest, la città nuova.
Budapest ci ha colpito subito, sia per la grande affluenza di turisti, sia per il grande via e vai. Non ci aspettavamo questi grandi palazzi signorili e così tanta gente.. Ci ha davvero sorpresi!
Immancabile il tramonto sulla passeggiata lungo il Danubio!

Giorno 7 : Budapest

Il secondo giorno nella capitale ungherese lo abbiamo iniziato con una colazione di fronte alla Sinagoga e poi via verso il Ponte delle Catene.
Attraversando il ponte abbiamo raggiunto Buda e siamo rimasti tutto il giorno a visitarne ogni angolo, godendo così di tutta la sua bellezza.
Buda ci è sembrata davvero un piccolo gioiellino. Per non parlare degli splendidi panorami che regala.
La sera invece siamo tornati a Pest e abbiamo provato lo street food ungherese, di cui presto vi parleremo.

Giorno 8 : Nauders

Durante il nostro viaggio di ritorno avevamo deciso di fermarci una notte in Austria, vicino al confine italiano.
La scelta è ricaduta su Nauders, un borgo davvero carino che ci ha accolti con dei panorami meravigliosi.
Avevamo una gran voglia di tornare in montagna e qui a Nauders abbiamo fatto una scorpacciata di verde, castelli e buon cibo!

Giorno 9 : Curon Venosta e Merano

A pochi km da Nauders ci siamo fermati a Curon Venosta, famoso per il campanile sommerso.
Eravamo molto curiosi di scoprirne la sua storia e vederlo finalmente dal vivo.
Ci siamo anche fatti una fantastica colazione con vista lago.
Per pranzo ci siamo invece fermati a Merano, che era proprio sulla strada per casa.
Avevamo visto Merano sotto Natale con i mercatini ed è stato interessante vederla d’estate con il sole e il caldo!

Merano è stata l’ultima tappa di un viaggio che difficilmente dimenticheremo.
Abbiamo visitato città che non vedevamo l’ora da tempo di esplorare e vissuto esperienze davvero fantastiche, di cui vi racconteremo per filo e per segno nei prossimi post.

consigli

Noi da sempre amiamo gli on the road, perchè nonostante siano molto stancanti, danno la possibilità di vivere emozioni uniche!
Se vi fosse piaciuto il nostro itinerario.. eccovi alcuni consigli!

  • noi abbiamo soggiornato sempre in appartamenti, ad eccezione dei luoghi dove siamo rimasti soltanto una notte. Questo perchè in appartamento siamo stati molto più comodi e non avevamo orari, ma potevamo organizzarci come più credevamo. Abbiamo prenotato tutto tramite Booking.com (se prenotate da questo link avrete un regalo “15 euro di rimborso sul prossimo vostro soggiorno);
  • se anche voi viaggiate con cani al seguito ricordatevi di fare le giuste soste (qui trovate la nostra Guida per viaggiare con gli amici a quattro zampe). Nala è stata davvero bravissima, ma giustamente aveva bisogno dei suoi momenti e dei giusti accorgimenti;
  • come sempre vi consigliamo di dare un’occhiata alle aperture di musei o luoghi d’interesse prima della partenza in modo da evitare i giorni di chiusura;
  • Auschwitz, a cui dedicheremo un capitolo a parte, deve essere prenotato per tempo (noi consigliamo almeno 3 mesi prima) e presto vi daremo tutte le indicazioni;
  • ci raccomandiamo di utilizzare scarpe comode se anche voi amate camminare come noi. Abbiamo raramente preso i mezzi pubblici (se non a Vienna, per ovvie ragioni) e se volete visitare e scoprire i luoghi, il mal di piedi è da evitare con tutte le vostre forze.

A breve anche tutti i video del nostro viaggio!

E voi che viaggi avete fatto quest’estate?! Raccontateceli nei commenti..

Ioviaggiocosi.
_____________________________________________

6 Replies to “On the road tra città e capitali dell’est Europa

  1. Non avevo capito fosse un viaggio di famiglia, che bravi siete stati a far combaciare gli impegni di tutti (certo che fosse ferragosto aiuta 😉 ). Sono super felice anche che sia stato un viaggio a misura di cane, a noi è dispiaciuto tantissimo non portare Rock con noi in Portogallo, come clima sarebbe stato perfetto, ma il viaggio aereo lo vedo impegnativo, forse avremmo dovuto abituarla sin da cucciola. A parte che a casa non è stata certo male 😉 Però è un itinerario che prenderemo in considerazione volentieri sapendo che è adatto anche ai nostri amici a quattro zampe!

    1. Certo! È stato un viaggio con famiglia allargata 😊 noi Nala non l’abbiamo mai portata in aereo.. per ora solo viaggi in auto 😊
      Mi fa piacere che siamo d’ispirazione! 😍

  2. Che bell’on the road! Li ho sempre amati ed il vostro unisce diverse città che non ho mai visitato, ma che non avevo mai pensato di collegare in un unico itinerario: ottimo spunti 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.